sport lifestyle fitness male training 1139 724

Allenamento mentale e sport

L’allenamento mentale aiuta a utilizzare consapevolmente pensieri e sentimenti in modo tale da raggiungere uno stato di prestazione ottimale. Dovrebbe essere parte dell’allenamento così come dell’allenamento fisico.

Nello sport professionistico, il mental trainer ha da tempo posto il suo posto accanto all’allenatore e al nutrizionista. Nello sport amatoriale, invece, l’allenamento mentale – se non del tutto – si è svolto finora solo in modo selettivo. E di solito solo quando sorgono problemi. Questo lascia un grande potenziale non sfruttato.

Perché ogni sessione di allenamento e ogni competizione è influenzata da pensieri e sentimenti. Spesso, tuttavia, ciò accade inconsciamente e ciò può ridurre le prestazioni. L’allenamento mentale aiuta a raggiungere e mantenere uno stato di prestazione ideale.

Il ciclo di “Deming” o “allenamento mentale sportivo sviluppato presso l’Istituto per l’allenamento mentale di Heidelberg comprende quattro fasi:

La prima fase riguarda i tuoi valori. e la definizione degli obiettivi: cosa rappresento? Cosa è importante per me Cosa voglio raggiungere: divertirmi, trovare la pace interiore, ottenere riconoscimenti, trovare uno sponsor che mi sostenga…?

Se più obiettivi sono importanti, significa stabilire una “gerarchia di valori” perché volerlo raggiungere tutto in una volta è utopico. L’obiettivo dovrebbe essere formulato positivamente e il più concretamente possibile, ad esempio: “Voglio ottenere il mio miglior tempo durante l’intera corsa”. La seconda fase, quando si analizzano i propri punti di forza, riguarda la risposta. Qual è il tratto più forte? Qual è il numero due, tre, quattro, …?

L’allenamento mentale dovrebbe rafforzare i punti di forza. Ciò include passare mentalmente e migliorare le sequenze di movimento, nonché imparare a non essere distratti. Perché solo chi riesce a concentrarsi completamente sulla situazione attuale potrà sfruttare appieno i propri punti di forza.

Allenare la mindfulness può aiutarti a rimanere mentalmente nel “qui e ora”. I pensieri che vagano nel passato o nel futuro, come “Avrei dovuto essere più veloce all’inizio” o “Non raggiungerò più” sono un ostacolo. Cosa suscita il sentimento e le idee che sono necessarie nella rispettiva situazione per richiamare il massimo possibile? Quali dei tuoi rituali, immagini interiori o esperienze incoraggiano e rafforzano? Ad esempio, rivedi le tue esperienze: in quali situazioni hai avuto particolare successo? Qual era la situazione di corsa perfetta quando tutto andava bene? Quale gesto o musica, quale oggetto o odore è associato a questo ricordo? Questa potrebbe essere una chiave per l’allenamento mentale.
Un velocista che deve correre in modo esplosivo all’inizio potrebbe, ad esempio, motivarsi con l’aiuto dell’hard rock. Oppure ti istruisci internamente: “Posso farlo!” e immagina il pugno chiuso. Tale gesto, autoipnosi, esercizi di rilassamento… ci sono centinaia di possibilità. Inizialmente, questi processi sono “solo” mentali. Tuttavia, il pieno potenziale può essere sfruttato solo se lo “senti” emotivamente e fisicamente.

La terza fase dell’allenamento mentale serve a superare e prevenire i blocchi interni. Supponiamo che un tennista classificato al 70° posto nella lista dei migliori al mondo arrivi alla finale di Wimbledon. Ora pensa: «Posso perdere solo contro questo famoso top player. Gli occhi di tutto il mondo dello sport sono puntati su di me. Basta non colpire la palla!” – allora il gioco è già finito.

Perché il cervello umano non fa distinzione tra idee che non dovrebbero nascere e quelle che si desiderano. È come NON pensare a un elefante blu. È abbastanza difficile non immaginare un elefante che fa questo.
Gli atleti che vogliono farlo particolarmente bene spesso finiscono nella “zona di eccessiva motivazione”: lanciano palle, perdono la concentrazione e sprecano le loro energie.

Il livello di prestazione ideale si raggiunge comunque quando un atleta non sente né pressione né stress o – al contrario – noia e troppo rilassamento (zona di sottomotivazione). Nell’allenamento mentale si sviluppano contromisure efficaci contro entrambi.

Ad esempio, il tennista potrebbe pensare: “Gli faccio vedere!” Ha acquisito una sana autostima e forza mentale, esegue minuziosamente le sue migliori tecniche di pugni nella sua mente e visualizza con tutti i dettagli il corso di una partita in cui sfrutta al massimo i suoi punti di forza e vince.
Finalmente , la quarta fase è il controllo del successo: cosa è successo? Dove è ancora un problema? L’allenamento mentale può essere sostenuto in questo modo?

Suggerimenti:
– L’allenamento mentale ha bisogno di pratica. Proprio come l’allenamento di resistenza, forza e flessibilità, dovrebbe essere integrato in ogni ciclo di allenamento.
– All’inizio è meglio essere guidati da un trainer mentale.
– I rituali o le immagini interiori dovrebbero adattarsi alla persona e al obiettivo desiderato.
– Non pensare in termini di problemi, ma concentrati sulla soluzione.

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto